Health

Il parto in sicurezza ai tempi del Covid-19

31/03/2020

Che siate al primo, al secondo o magari al terzo figlio, le cose non cambiano: il parto rimane un momento unico e irripetibile per ogni donna. Ma ora che c’è l’emergenza Coronavirus tutto è cambiato. Le future mamme devono avere paura? A tranquillizzarle ci sono le ostetriche del Centro Medico Unisalus.

Indicazioni dell’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità

Il parto è un evento di forte emozione, in cui mamma, papà e piccolo collaborano all’unisono per la nascita di una nuova vita.

Purtroppo, a causa del Nuovo Coronavirus, anche chiamato Covid-19, l’OMS ha fornito alle strutture sanitarie mondiali l’indicazione di non far entrare altre persone, oltre alla partoriente, nella struttura ospedaliera per limitare al minimo il rischio di contagio.

Questo può destare preoccupazione e paura, non avere accanto una persona cara può essere difficile in questo momento così delicato.

Ecco perché diventa di fondamentale importanza la figura dell’ostetrica: da sempre preposta al mantenimento della salute della mamma e del piccolo, ora più che mai l’ostetrica attiva le sue competenze per accompagnare e supportare la donna.

Il supporto ostetrico: le Cure Amiche della Madre

Le cure amiche della madre sono delle indicazioni proposte dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e che da anni vengono attuate nei punti nascita, in particolare negli ospedali amici dei bambini certificati UNICEF Italia.

In questo elenco vengono riportati gli elementi fondamentali da garantire durante il travaglio e il parto:

  •  Per rispetto e privacy, deve essere garantito un ambiente tranquillo e il numero degli operatori sanitari presenti al parto deve essere limitato
  • È possibile per la mamma essere accompagnata e condividere questa esperienza con una persona a sua scelta
  • È possibile assumere piccoli pasti (frutta, pane, biscotti, miele) e bere acqua o bevande energetiche durante il travaglio e dopo, sempre confrontandosi con l’ostetrica
  • È possibile scegliere liberamente le posizioni che possono aiutare a sopportare meglio il dolore e garantire uno stato di benessere: è compito dell’ostetrica suggerire le diverse posizioni, in collaborazione con la mamma
  • È possibile utilizzare ogni metodo desiderato per alleviare il dolore: massaggio, rilassamento profondo, acqua, posizioni antalgiche; l’ostetrica sarà anche in questo un’alleata con cui cercare la soluzione migliore
  • in caso di richiesta sarà disponibile l’analgesia peridurale; anche in questa situazione l’ospedale si impegna a rispettare questa richiesta della donna laddove non vi siano controindicazioni cliniche
  • verrà evitato l’uso routinario di pratiche cliniche come il clisma evacuativo, la rasatura dei peli pubici e il cateterismo vescicale
  • il travaglio ha i suoi tempi di progressione: non è prevista di routine un’accelerazione. Solo in caso di significativo rallentamento saranno prese in considerazione pratiche mediche di accelerazione
  •  il benessere del bambino verrà costantemente monitorato dall’ostetrica utilizzando, quando necessario, uno strumento che registri il battito del suo cuore; l’ostetrica terrà costantemente informati i genitori sull’esito dei controlli
  • al momento del parto non viene praticata di routine l’episiotomia, ma solo in caso di necessità

Come supportare al meglio la mamma in questo particolare momento? Che cosa cambia nelle Cure Amiche della Madre?

L’unica vera variazione nelle cure amiche della madre è nel secondo punto: “potrai avere vicino una persona a tua scelta con cui condividere questa esperienza”.

In questo momento delicato, in cui l’obiettivo primario è limitare il contagio da Covid-19,  l’OMS ha dichiarato necessaria l’inaccessibilità per i padri, o la persona di fiducia, alla struttura ospedaliera.

È proprio in questo momento forte ed importante che l’ostetrica riveste un ruolo ancora più importante: accompagna professionalmente e psicologicamente la mamma, le offre un supporto fisico ed emotivo, l’assiste con la mente, le mani e il cuore. La madre non sarà mai sola!

Sarà sempre premura dell’ostetrica, attraverso i mezzi elettronici di cui si dispone oggigiorno, mettere in comunicazione mamma e papà il prima possibile.

Anche in questo momento difficile vivere il parto in modo positivo è fondamentale per la mamma, il papà e il piccolo.

Per questo vi ricordiamo che non vi lasciamo sole, ma mettiamo a disposizione per voi Incontri di Accompagnamento alla Nascita Online, Consulenze Online e siamo sempre disponibili per rispondere alle vostre domande!

Oggi più che mai siamo qui per voi!

 

 

Articolo redatto dalle Ostetriche Giorgia ed Elisa

del Centro Medico Unisalus

Top

Segnala un’attività

Do il consenso ai fini commerciali.
Ho letto la normativa sulla privacy