Design & Craft

L’importanza di rintanarsi in una tana quando sei sempre in casa

28/04/2020

In questo momento particolare in cui passiamo la maggior parte del nostro tempo in casa e quindi condividiamo gli spazi con tutta la famiglia, è importante riflettere su come creare degli spazi in cui il bambino possa rifugiarsi.  Perchè è importante dare la possibilità al bambino di avere una tana?

Adesso più che mai è fondamentale che il bambino -che passa la gran parte della giornata con noi, che non ha più relazioni sociali all’esterno della famiglia e che non frequenta la scuola- possa avere una tana in cui passare un pò di tempo solo con se stesso

Quante volte hai avuto bisogno di rinchiuderti in camera e contare fino a 3 respirando profondamente? Ecco! Quella sensazione di fastidio, di irrequietezza e di voglia di evadere l’ha certamente provata anche il tuo bambino e magari lo hai trovato nascosto sotto al letto o dietro al divano. 

Allora vorrei parlarti di quanto sia importante lasciare che il bambino si prenda questi momenti di intimità se lo desidera e creare una situazione affinchè ciò sia possibile. Lo so, che vorresti averla anche tu! E perchè no?! Ognuno di noi ne ha diritto, quindi non dimenticarti che quello che sto per dirti vale anche per te e per il tuo partner. 

L’importanza della tana

Ogni bambino ha il diritto di evadere dalla routine per nascondersi da tutto e tutti, cosa fanno di frequente i bambini nelle tane?  Leggono un libro, bevono dal biberon, fanno le coccole con il peluche. Poi crescendo: scrivono un diario con i propri pensieri, fantasticano sul futuro. Oppure… non fanno nulla! Non stupirti troppo, potrebbe essere proprio questo il loro desiderio. 

Ciò che conta davvero è avere la possibilità di viversi uno spazio tana, non come è fatto!

Non importa dove si trova o come è fatta, l’importante è che sia un posto speciale per il bambino: un luogo che lui identifica, riconosce e che può vivere.

Sii curiosa e se ancora a casa tua la tana non c’è, lascia che il bambino ti mostri cosa potrebbe trasformarsi nel suo rifugio, assecondalo, seguilo e createla insieme, perchè no? 

Il mio esempio

Ora ti racconto come ho costruito la prima tana di Emma, la mia bimba: ho preso un ritaglio di stoffa molto più grande della tavola del salotto e l’ho cucita con un altro ritaglio di stoffa, in modo che potesse scendere dai lati e creare una “protezione” dall’esterno. Poi nella struttura della tavola (sotto al piano) ho attaccato con lei dei nastri, e dei piccoli oggetti che suonavano. Questo spazio è stato per un pò il suo rifugio in cui passare un pò di tempo da sola e giocare!

Un’altra tana che ti consiglio di provare a costruire è quella che puoi facilmente creare con uno scatolone molto grande in cui puoi inserire lucine, cuscini, peluche. Vedrai! Ti basterà qualche minuto e il tuo bambino avrà il suo rifugio a portata di mano!

E se hai a disposizione uno spazio esterno perché non provare a costruire una tenda degli indiani? Qualche bastone di legno e 3 o 4 vecchie tovaglie o lenzuoli fermati con qualche molletta per stendere e voilá.. la tenda degli indiani sarà pronta!

Se vuoi un aiuto ci sono, creiamola insieme, scrivimi a info@mio-mio.it oppure mandami qualche foto della sua tana speciale se ce l’ha già, io creerò una raccolta!

 

 

Chiara Palmieri

Pedagogista e Room Designer, lavoro accanto ai bambini e ai loro genitori da oltre dieci anni e oggi mi occupo – tra le altre cose- della progettazione di camerette per bambini.

Visita il Mio-Mio.it

 

Top

Segnala un’attività

Do il consenso ai fini commerciali.
Ho letto la normativa sulla privacy