Mum Loading

Design & Craft

Cameretta condivisa: come dividere lo spazio in modo creativo e senza muri!

15/03/2022

Grazie alle idee creative e funzionali della nostra interior designer Laura Venti, oggi capiamo insieme a lei come è possibile dividere gli spazi in una stanza senza per forza erigere dei muri: pronte a prendere appunti mums?

Condividere la cameretta con il proprio fratello o sorella è un’esperienza unica: lunghe chiacchiere notturne, condivisione delle gioie e dei dolori e soprattutto il gioco. Ma ad un certo punto cresce la voglia di un po’ di privacy. 

Come si fa allora ad arredare una cameretta per due senza fare grandi interventi di muratura, ma dividendo lo spazio in modo funzionale?

Non hai bisogno di alzare dei muri per creare lo spazio personale in cameretta per ciascuno dei tuoi figli. Esistono altre soluzioni che potrebbero fare al caso tuo.

Ecco 3 idee che ti permetteranno di dividere senza separare!

 

 

 

 

DIVISIONE VISIVA

Una parete per ciascuno

Dividi visivamente la stanza in due e posiziona i letti in modo che siano uno da una parte e uno dall’altra, diametralmente opposti tra loro. In questo modo ognuno possiede un lato della stanza in modo esclusivo e può personalizzarlo secondo i propri gusti. Non dimenticare di collocare vicino a entrambi un comodino così che possano godere della propria abat-jour e del proprio spazio. Che si tratti di classiche soluzioni con pratico cassetto, oppure di un originale tavolino, entrambi i bambini hanno necessità di un piano d’appoggio personale ove riporre un pacco di fazzoletti, un bicchiere d’acqua o anche il cellulare.

Colori a contrasto

Anche giocare con i colori può essere un’idea. Se quello di cui hanno bisogno i tuoi figli è solo sentire “loro” quel determinato spazio, allora basterà personalizzare le due zone della stanza in maniera completamente diversa. Disegni alle pareti, complementi d’arredo, biancheria da letto: ognuno avrà la sua, ognuno potrà scegliere secondo il suo gusto senza dipendere da quello del fratello/sorella.

 

Tende

Non vuoi un impatto troppo aggressivo sulle superfici o nelle zone perimetrali della stanza? Le tende possono assicurarti comunque un buon livello di intimità senza doverti impegnare in troppe lavorazioni e interventi murari. In questa circostanza è sufficiente solo una guida o un binario sul soffitto e il gioco è fatto, oppure puoi giocarti la carta del baldacchino per creare un’atmosfera più intima attorno a ciascun letto.

 

 

 

DIVISIONE CON I MOBILI

Librerie

Un’idea efficace e pratica per dividere una stanza in due è quella di usare gli arredi come divisori, come ad esempio delle librerie che possono essere utilizzate da entrambi i lati per riporre giochi e vestiti. In questo modo avrai una soluzione dal design contemporaneo che dividerà la stanza preservando la luminosità e non rendendo troppo angusto lo spazio. Con i modelli poi potrai sbizzarrirti: librerie sospese, a mezza altezza, in legno o metallo, con o senza contenitori. Avrai una vasta scelta tra cui poter decidere!

 

Comò

Una soluzione versatile per arredare delle camerette doppie è quella di posizionare un comò tra i due letti. L’altezza dei comò permetterà di dividere i due spazi e fungerà anche da comodino e appoggio per l’abat jour. Questa è una soluzione trasformabile: quando i bambini sono piccoli il comò può essere posizionato su un’altra parete e spostato solo quando viene richiesto dai ragazzi. È quindi una soluzione low cost per dividere lo spazio.

 

Scrivanie frontali

Un’altra soluzione spesso proposta è quella di creare un’unica zona studio al centro della stanza, ma con scrivanie poste una di fronte all’altra. Così facendo, sarà possibile dislocare i letti in due zone distinte più indipendenti. L’importante sarà creare due spazi di riposo, e di conseguenza d’azione, differenti. Se uno studia, l’altro può stare sul letto a guardare una serie tv; se uno tiene la luce accesa sul comodino, l’altro può spegnere la sua senza creare intoppi.

 

 

DIVISIONE VERTICALE

Quando l’orizzontale non funziona, allora orientati verso il verticale! 

È un po’ la stessa logica dei grattacieli che proiettano gli spazi in altezza quando la larghezza è impraticabile. Letti a castello e letti a soppalco sono le due soluzioni che traggono il massimo vantaggio dalla verticalità.

Lo studio e i compiti sono importanti e vengono sicuramente meglio alla propria scrivania. Esistono soluzioni di arredamento che propongono letti a castello combinati a scrivanie nella parte sottostante. Ecco che se separi la cameretta con una composizione con due letti a castello e scrivania abbinata nella parte inferiore puoi realizzare anche lo spazio studio individuale.

Come per i letti a castello, i soppalchi sfruttano la composizione verticale. La suddivisione in questo caso avviene in altezza, si crea così un’ambiente autonomo al “piano di sopra”. Questo genere di struttura può risultare utile anche per risolvere problemi di contenimento: le scale per salire possono diventare praticissimi contenitori salva spazio.

 

I BENEFICI DELLA DIVISIONE DEGLI SPAZI

Queste soluzioni di apparente divisione, ma che preservano la convivenza fra fratelli/sorelle possono portare a dei benefici:

 

Rilassamento: sappiamo che i bambini dormono più facilmente quando c’è qualcun altro nella stanza. L’ansia si indebolisce e c’è un maggiore senso di sicurezza.

Condivisione: hai un figlio che ha difficoltà a condividere il tempo? Condividere una stanza potrebbe essere il modo migliore per limitare lo stress sul lasciare che gli altri giochino con le “loro” cose. I bambini imparano intrinsecamente che tutto nella stanza condivisa è “nostro” e non “mio”.

Routine: una camera da letto condivisa aiuta a impostare routine condivise. Mettere i bambini a letto contemporaneamente diventa la norma, il che rende più facile mantenere una routine della buonanotte coerente per tutti. 

Quindi, ove possibile, evita di erigere muri quando non è strettamente necessario … soprattutto in cameretta!

 

 

 

Laura Venti

Interior Designer | dal 2013, diventata mamma, ho sviluppato il mio interessi e i miei studi nel campo degli spazi dei bambini. Dal 2019 ne ho fatto il mio lavoro principale e con MiniLavDesign ho reso le competenze acquisite una realtà. Seguimi su IG

Top
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare. Inoltre, questo sito installa Google Analytics nella versione 4 (GA4) con trasmissione di dati anonimi tramite proxy. Prestando il consenso, l'invio dei dati sarà effettuato in maniera anonima, tutelando così la tua privacy.