Mum's News

Bambini maleducati, via!

15/01/2020

Un pizzaiolo critica i genitori: “se non siete capaci ad educare i vostri figli, andate altrove”. Favorevoli o contrarie?

 

 

La notizia è fresca fresca ma, permetteteci lo sfogo, sa di vecchio. “Il pizzaiolo contro i bambini maleducati”, questo il titolo che nelle ultime ore sta rimbalzando da una pagina all’altra del web: un venticinquenne, titolare di una pizzeria, ha deciso di attaccare fuori dal suo locale un avviso a tutti i genitori – o meglio – a tutti i genitori di figli maleducati, di starsene pure a casa, o di cambiare pizzeria o di imparare ad educare i propri figli, perché da lui non sono ben accetti.

Una notizia che sa di vecchio perché, già nel 2016, un ristoratore romano aveva posto lo stesso divieto. “Bambini che corrono e urlano, in piedi sulle sedie, disturbano i nostri clienti”, queste le dichiarazioni di Gabriele Berbenni, autori del cartello, in un’intervista rilasciata a SondrioToday. Ma poi specifica: “il nostro locale non è vietato ai bambini, ma ai genitori che non sanno educarli”.

 

E allora, le domande sorgono spontanee: avrà figli questo giovane pizzaiolo? Parlerà con cognizione di causa? Avrà già provato personalmente l’esperienza – difficile, complicata e appagante – di educare i figli prima di insegnarlo agli altri?

Chissà se la sua è pura convinzione o semplice strategia pubblicitaria. Ma noi vogliamo stare dalla parte dei genitori, quelli che fanno un lavoro duro, costante e impegnativo: crescere dei bambini. E se dopo una lunga settimana di lavoro, davanti ad una bella pizza fumante, abbassano un po’ la guarda …. be’, cerchiamo di capirli (e non sempre di giudicarli!).

Sarebbe bello, però, se qualche volta qualcuno appendesse un cartello fuori dal proprio ristorante con scritto: “ se non ti piace ridere, scherzare, fare casino e giocare … proprio come fanno i bambini, allora cambia locale!”.

Che ne pensate mums?

 

Melissa Ceccon

 

Top

Segnala un’attività

Do il consenso ai fini commerciali.
Ho letto la normativa sulla privacy