di Laura

“Kumon, Luisa e Sofia”

Ho una bambina che frequenta ormai la quinta elementare. Abbiamo iniziato a farle fare il kumon a metà della prima elementare non perché riscontrasse difficoltà, ma per darle quella marcia in più. Ho superato lo scetticismo anche di un marito appassionato di calcolo, quando ha riscontrato dopo qualche mese la velocità di calcolo che la bambina stava acquisendo. Mai interrogata una singola volta in una tabellina, padronanza totale del calcolo e prosegue un percorso suo personale basato sui suoi tempi e sui suoi errori. Ad affiancarla c'é la signora Luisa, che é sempre disponibile per un confronto telefonico o di videochiamata per aiutare Sofia nel cercare di farle capire come superare eventuali difficoltà. Chi conoscerà Luisa noterà non solo la padronanza della materia, ma "l'amore" che nutre per i numeri e il calcolo e riesce a verbalizzare il tutto in maniera molto chiara. Per quanto Sofia abbia solo 10 il rapporto è tra Luisa e la bambina stessa, il mio ruolo sta diventando sempre più marginale. Per chi vuole intraprendere questo percorso bisogna innazitutto crederci ed essere costanti nel fare tutti i giorni il set di kumon. I risultari arrivano per tutti e sono tangibili. Ovvio, è capitato a tutti che ogni tanto bisogna fare due set di Kumon al giorno invece di uno per recupare, ma deve essere un'eccezione e non la regola. Voto 10 e lode.