Se avete voglia di una bella passeggiata nel verde, seguite la nostra Rossella che vi porta tra le piramidi ... della Brianza. Conoscete Montevecchia

 

NOVEMBRE 2019

Appena spunta fuori un po’ di sole, non resistiamo, zaino in spalla e via! Una nuova gita ci aspetta. Avete mai sentito parlare delle Piramidi della Brianza? Vi confesso, io conoscevo solo quelle d’Egitto fino a qualche mese fa! Ma poi leggendo qua e là scopro questa cosa che mi incuriosisce molto.

Se anche voi siete curiose, vi porto con me nel parco del Curone, alle porte di Lecco e solo a meno di un’ora da Milano, posto che offre davvero tantissimi sentieri facili da percorrere anche con i bambini al seguito. 

DOVE PARCHEGGIARE

Ci sono diversi punti di accesso e differenti passeggiate tutte mediamente di facile percorribilità. Il nostro itinerario parte da Montevecchia alta, potete parcheggiare la macchina nei dintorni di Via Val Fredda, da cui parte un sentiero nel bosco. Il consiglio che vi do è di non arrivare troppo tardi soprattutto in giornate soleggiate poiché potreste avere difficoltà nel parcheggiare.

INIZIA IL CAMMINO!

Ecco che inizia la nostra avventura nel bosco! Tutto pianeggiante e quasi tutto in ombra, se avete bambini piccoli però è meglio evitare il passeggino, molto meglio fascia o zaino da trekking.

Dopo circa mezzora di camminata, eccoci giunti a Ca’ del Soldato, con ampia veduta sulla valle e dove vediamo un’area pic-nic. Scopriamo poi che è adibito a piccolo museo aperto il sabato e domenica, per osservare la fauna del Parco ed i vari ambienti che lo caratterizzano.

Incontriamo molte famiglie che avevano parcheggiato l’auto lì vicino (altra alternativa se non avete voglia di camminare) e che si fermano proprio li per il pranzo facendo giocare i bambini nel bel prato soleggiato. 

Decidiamo però di proseguire perché eravamo curiosi di scoprire quelle che vengono chiamate le Piramidi della Brianza. 

Già, può far sorridere, eppure l’architetto Vincenzo di Gregorio è un forte sostenitore della teoria secondo cui sotto le colline del parco non siano in realtà naturali, bensì costruite dall’uomo in tempi antichi, ora nascoste dalla vegetazione, orientate a Est e disposte proprio come le piramidi di Giza in Egitto. Siamo molto curiosi di vederle!


 

DOVE MANGIARE

Un’altra mezzora di cammino e arriviamo nei pressi del ristorante Oasi Galbusera Bianca, dove ci fermiamo per il pranzo. Ottima cucina, prezzi medio-alti (menù alla carta oppure fisso adulti circa 39 € bevande escluse, per i bambini invece tra i 15-20 €).


LE PIRAMIDI

A circa un quarto d'ora dal ristorante ecco quindi la prima “Piramide” detta anche Collina dei Cipressi, per gli alberi che la caratterizzano e che la rendono ancora più suggestiva.  I bambini erano entusiasti di averla raggiunta! Saliamo ovviamente in cima per ammirare un bellissimo panorama!

Le altre due piramidi sono sempre li vicino: la seconda è chiamata “Belvedere Cereda” e sulla cima sembra ci siano i resti di un muro di un antico santuario celtico. La terza piramide invece è più a nord, abbiamo fatto fatica ad avvistarla perché ricoperta da fitta vegetazione e quindi meno “evidente”.

Non sappiamo se credere o no alla leggenda delle Piramidi della Brianza, certo è che è stata una giornata e una camminata bellissima da trascorrere in famiglia!

Se volete un’alternativa di camminata facile potete leggere anche l’articolo di Melissa che è andata a caccia di castagne con la sua famiglia proprio a Montevecchia. Se invece volete scoprire di più sui luoghi da visitare, vi consiglio di andare sul sito ufficiale del Parco Curone 

 

Buona passeggiata mums!

 

Rossella Trupiano

I viaggi sono la sua passione, ma devono essere rigorosamente a misura di famiglia.

Seguite le sue avventure anche su Family Planet